La dualità

05.11.2013 15:42

Sulla dualità ci sarebbero molte cose da dire ma semplificando altro non è che la terza dimensione, con le preoccupazioni, le analisi di cosa è meglio fare, le domande interminabili senza risposte, di dubbi che chiudono il cuore e nutrono ogni sentimento degradante per la natura divina che siamo. Lo scoppo oggi è di uscire dalla dualità e di andare oltre queste basse frequenze. Per fare ciò è necessario riconoscerci quando la mente cerca e smettere di cercare fuori, indirizzando la ricerca nell'interiore, al centro del cuore. Un metodo efficace è quello di camminare possibilmente nella natura. Camminando si prende contatto cosciente col proprio respiro e cercando di battere le palpebre meno possibile. Un segreto che  è tutto da provare e man mano che lo fate ogni giorno di più, voi alzate la frequenza del vostro campo energetico. Perchè? Avviene questo e come sapete l'occhio è come una macchina fotografica che registra ogni volta che noi chiudiamo le palpebre per poi riaprirle. Meno informazioni di questa dimensione bassa mandiamo al nostro cervello e più la ghiandola pineale lavora indisturbata ma non solo, avviene il contatto con la coscienza dell'Io Sono e ciò è meraviglioso.

Attraverso lo sguardo noi possiamo purificare gli organi, mentre camminiamo, portiamo lo sguardo a terra che dai troppi pensieri e immagini è tanto carico e manda anche agli organi elementi di tossicità, possono valere le immagini brutte, di animali maltrattati, le immagini che si vedono nei telegiornali, vari film con messaggi subliminali orrendi, e cosi via. Purifichiamo lo sguardo posandolo per terra dunque e lasciamo che si scaricchi il tutto alla Madre Terra che accoglie questo peso per trasformarlo in energia creatrice, mentre nel cuore cerchiamo di provare l'emozione della gratitudine per questa magnifica opportunità.

 

 

 

Dove trovo la risposta

"Mi siedo ai margini delle galassie per udire la mia voce, quella voce che viene dal profondo, che non parla ma sussurra toccando i corpi sottili con la sua vibrazione ... e ogni domanda diventa risposta, allo stesso tempo, la domanda stessa non è mai esistita."

Allora cos'è quel trambusto nella mente inquieta? Mancanza di pace, amore, semplicemente il "non vedere se stessi" e questo accade quando si cerca fuori. Già, ma fuori non c'è nulla che ci dia soddisfazione a tal punto da far tacere la mente con le sue domande. Le domande nascono nel vuoto del cuore, si perchè nel cuore non troviamo solo vene e sangue ma tanto vuoto. 

Questo vuoto è portato dal mondo duale, da frequenze di terza dimensione, pesanti, che non permettono la quiete. Si può riempire il cuore? Certo, anche di tante cose belle...ecco abbassa lo sguardo a terra e osserva una formica, un filo d'erba...e vedi cosa dice il tuo cuore, prova gioia? Guarda negli occhi un animale e senti il tuo cuore cosa dice? comunica con l'altro cuore? Osserva gli alberi, il tuo cuore chiama vita...ora alza gli occhi al cielo...cosa prova il tuoi cuore? 

Riempi il tuo cuore di queste risposte poi osserva le persone intorno a te, chiedi al tuo cuore se vede in esse quello che tu sei...fai questi "esercizi" e un giorno, presto, il tuo cuore incontrerà la piena gioia, l'amore e il Cuore dell'Universo che batte nel tuo! Tutte le tue domande scompariranno e sarai libero, libero veramente!

In Amore e Luce 

Perle di Gioia

 

 

Video

Questa lista è vuota.

Sondaggio

TI SENTI DI ESSERE QUI CON UNO SCOPO?

SI (276)

67%

NO (8)

2%

FORSE (8)

2%

Se hai un talento contattami sull'indirizzo fb che trovi nelle INFO (120)

29%

Voti totali: 412